Nuova pagina 1

www.ansia-italia.it | www.attacchidipanico.net  | www.attaccodipanico.org  | www.attaccodipanico.eu | www.psicologia-italia.it www.sessuologia-italia.it

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA COGNITIVA E COMPORTAMENTALE - VIALE MAZZINI, 76  73042 CASARANO ( LECCE )  TEL. 328. 9197451

Per Appuntamento: Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale

 

  DEPRESSIONE

   

  DEPRESSIONE: INFORMAZIONE - CONSULENZA - DIAGNOSI - SOSTEGNO E PSICOTERAPIA

 

DEPRESSIONE * HOME |  CONTATTI  |   CHIEDI UN CONSIGLIO  CONSULENZA IN STUDIO | DOVE SIAMO

VORRESTI UNA CONSULENZA TELEFONICA OGGI STESSO CON IL DIRETTORE E PARLARE DEI TUOI PROBLEMI

 

  DEPRESSIONE

 

DEPRESSIONE

 

Cos'è la depressione

Diversi tipi di depressione

Depressione maggiore
Sintomi di depressione
Diagnosi della depressione
Come curare la depressione

Cura della depressione
Depressione nei bambini

Depressione negli adolescenti

Depressione negli uomini

Depressione nelle donne
Depressione negli anziani
Cause della depressione
Ereditare la depressione
Depressione da droga o alcol
Durata della cura della depressione
Depressione insieme ad altre malattie
Depressione
Depressione e società
Depressione e perdita di interessi
Depressione e peso

Curare la depressione con i farmaci

Terapia elettroconvulsiva della depressione

Problemi sessuali e antidepressivi

Come sospendere i farmaci per la depressione

Consigli per affrontare la depressione

Depressione e sonno
Depressione attività motoria
Depressione e stanchezza
Depressione e autostima
Depressione e concentrazione
Depressione e suicidio
Depressione bipolare
Sintomi della depressione bipolare
Sintomi della fase depressiva del disturbo bipolare
Sintomi della fase di mania della depressione bipolare
Sintomi di ipomania nella depressione
Sintomi dell’episodio depressivo misto
Caratteristiche associate del disturbo bipolare
Cause del disturbo bipolare
Sintomi e diagnosi del disturbo bipolare
Guarire dal disturbo bipolare
Il disturbo bipolare nei bambini

Curare la depressione
Cause della depressione bipolare
Cos'è la depressione bipolare e quali sono i sintomi

 

DEPRESSIONE POST PARTUM

 

Depressione post partum

Sintomi e segni della depressione post partum

Cause della depressione post partum

Prevenzione della depressione post partum

Cura e trattamento della depressione post partum

Sintomi e segni della psicosi post partum

Cura e psicoterapia della depressione post partum

Come la depressione post partum influenza il bambino

 

 

 

 

COME CURARE LA DEPRESSIONE

L'approccio generale alla cura della depressione

In generale, le malattie depressive gravi, in particolare quelle che sono ricorrenti, richiedono farmaci antidepressivi (o ECT nei casi più gravi), insieme alla psicoterapia per ottenere il miglior risultato. Se una persona soffre di un episodio depressivo maggiore,  ha una probabilità del 50% di sviluppare un secondo episodio, se l'individuo subisce due episodi depressivi maggiori, la possibilità di un terzo episodio è del 75% -80%, se la persona soffre di tre episodi, la probabilità di un quarto episodio è del 90% -95%. Pertanto, dopo un primo episodio depressivo, potrebbe il paziente venirne fuori gradualmente, senza  farmaci; tuttavia, dopo un secondo e sicuramente dopo un terzo episodio, la maggior parte dei medici daranno un dosaggio di mantenimento del farmaco per un lungo periodo di anni, se non in modo permanente.

La pazienza è necessaria, poichè il trattamento della depressione richiede tempo. A volte, il medico dovrà provare una varietà di antidepressivi prima di trovare il farmaco o la combinazione di farmaci che è più efficace per il paziente e a volte, il dosaggio deve essere aumentato per essere efficace.

Nella scelta di un antidepressivo, il medico prenderà in considerazione l'età del paziente, le altre condizioni mediche, e gli effetti collaterali dei farmaci. I medici usano spesso all’inizio, uno degli SSRI a causa della loro più bassa probabilità di dare effetti collaterali gravi,rispetto alle altre classi di antidepressivi. Gli effetti collaterali dei farmaci SSRI, possono essere ulteriormente ridotti, partendo  da basse dosi per poi aumentarle gradualmente,  raggiungendo i migliori effetti terapeutici. Per quei pazienti che non rispondono all'assunzione di un SSRI a dosi piene per sei-otto settimane, i medici generalmente passano ad un diverso SSRI o ad un'altra classe di antidepressivi. Per i pazienti la cui depressione non è  ha risposto alle dosi piene di uno o dei due farmaci SSRI o che non poteva tollerare questi farmaci, i medici provano farmaci di un'altra classe di antidepressivi. Alcuni medici ritengono che gli antidepressivi a doppia azione (azione su serotonina e noradrenalina) come duloxetina (Cymbalta), (Cymbalta), mirtazapina (Remeron), Venlafaxina (Effexor), e desvenlafaxine (Pristiq), possano essere efficaci nel trattamento di pazienti con depressione grave, resistente al trattamento. Altre opzioni includono Bupropione che agisce sulla dopamina (un neurotrasmettitore). A volte i medici possono utilizzare una combinazione di antidepressivi di classi diverse, inoltre, nuovi tipi di antidepressivi sono in continua evoluzione.

Se la persona depressa sta prendendo più di un farmaco per la depressione o farmaci per qualsiasi altro problema medico, il medico deve essere a conoscenza delle altre prescrizioni. Molti di questi farmaci vengono eliminati dall’organismo, dopo essere stati metabolizzati dal fegato. Ciò significa che i trattamenti sono in grado di interagire con sistemi di compensazione biochimica del fegato, pertanto, i livelli ematici effettivi dei farmaci possono essere superiori o inferiori di quanto previsto dal dosaggio. Questa informazione è particolarmente importante se il paziente è in terapia con anticoagulanti (fluidificanti del sangue), anticonvulsivanti (farmaci sequestro), o farmaci per il cuore, infatti tutti i medici del paziente devono essere in stretto contatto per regolare i dosaggi di conseguenza.

I pazienti spesso sono tentati a sospendere l’assunzione del farmaco troppo presto, soprattutto quando cominciano a sentirsi meglio. E 'importante continuare ad assumere una terapia farmacologica fino a quando il medico non dice di smettere, anche se il paziente si sente meglio in anticipo. Spesso i medici continueranno a prescrivere  i farmaci antidepressivi per almeno 6- 12 mesi perché il rischio di una ricaduta, aumenta rapidamente quando il trattamento viene interrotto dopo breve tempo. Alcuni farmaci deve essere diminuiti a poco a poco per dare al corpo il tempo di abituarsi alla nuova condizione.

Importanza della Psicoterapia per curare la depressione

Molte forme di psicoterapia sono effettivamente utilizzate per aiutare le persone depresse, tra cui alcune a breve termine (da 10 a 20 settimane). Le terapie sono necessarie per far parlare (psicoterapie) i pazienti, al fine di conoscere i loro problemi e risolverli attraverso le cure  date  dal terapeuta. I  terapisti comportamentali aiutano i pazienti a imparare come ottenere più soddisfazione attraverso le proprie azioni. Questi terapeuti  aiutano anche i pazienti ad eliminare gli schemi comportamentali che possono contribuire alla loro depressione.

Le terapie cognitivo / comportamentali e quelle interpersonali,  sono due delle psicoterapie a breve termine che la ricerca ha dimostrato essere utili per alcune forme di depressione. I terapisti interpersonali focalizzano l’attenzione sulle relazioni personali disturbate del paziente che siano causa dell’esacerbazione  della depressione. I terapisti Cognitivo / comportamentali  aiutano i pazienti a modificare gli stili negativi di pensiero e di comportamento che sono spesso associati alla depressione.

Le terapie psicodinamiche sono talvolta usate per curare la depressione; esse si concentrano sulla risoluzione dei conflitti interni, psicologici, del paziente che si pensano essere radicati  fin dall'infanzia. La terapia psicodinamica a lungo termine è particolarmente importante perché  sembra che ci sia un modello di modi inadeguati per far fronte a comportamenti negativo o autolesionistici.

I tre più comuni trattamenti per la depressione sono la psicoterapia, i farmaci e la terapia elettroconvulsiva. La psicoterapia è il trattamento di scelta per i minori di 18, mentre la terapia elettroconvulsiva viene utilizzato solo come ultima risorsa. La cura è di solito fornita su una base ambulatoriale, mentre il trattamento in un reparto di degenza è viene preso in considerazione se c'è un rischio significativo per sé o altri.

Le opzioni di trattamento sono molto più limitate nei paesi in via di sviluppo, dove l'accesso al personale della salute mentale, farmaci e psicoterapia è spesso difficile. La depressione è vista come un fenomeno del mondo sviluppato nonostante le prove dicano che è sviluppata anche in altre parti del mondo, e non come una condizione intrinsecamente pericolosa per la vita.  L'attività fisica è consigliata per la gestione della depressione lieve,  ma ha solo un moderato effetto statisticamente significativo dei sintomi nella maggior parte dei casi di disturbo depressivo maggiore.

Curare la depressione con la Psicoterapia

La psicoterapia può essere consigliata ad individui, gruppi o famiglie da professionisti della salute mentale, tra cui psicoterapeuti, psichiatri, psicologi, assistenti sociali clinici, consulenti, infermieri adeguatamente addestrati. Con forme più complesse e croniche di depressione, possono essere utilizzati una combinazione di farmaci e la psicoterapia.

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è attualmente la più efficace per il trattamento della depressione in bambini e adolescenti, e CBT e la psicoterapia interpersonale (IPT) sono da preferire  tra le terapie per la depressione adolescenziale.  In meno di 18 persone, secondo l'Istituto Nazionale per la salute e l'eccellenza clinica, il farmaco dovrebbe essere proposto in combinazione con una terapia psicologica, come la CBT, terapia interpersonale, o terapia della famiglia.

La psicoterapia ha dimostrato di essere efficace anche nelle persone anziane, sembra ridurre la recidività della depressione anche dopo che è stato risolta o dopo sedute di richiamo occasionale.

La più studiata forma di psicoterapia per la depressione è CBT, che insegna ai clienti di sfida autolesionista, duraturi modi di pensare (cognizioni) e cambiare i comportamenti controproducenti. All'inizio la ricerca a metà degli anni 90 ha suggerito che la CBT potrebbe svolgere il suo compito altrettanto bene o meglio di antidepressivi nei pazienti con depressione da moderata a grave. La CBT può essere efficace negli adolescenti depressi,  sebbene i suoi effetti su gravi episodi sono in modo definitivo. La combinazione di fluoxetina con CBT sembrava non portare alcun beneficio aggiuntivo,  o, al massimo, solo un beneficio marginale. Diverse variabili predicono il successo per la terapia cognitivo-comportamentale negli adolescenti:.. più alti livelli di pensieri razionali, meno disperazione, meno pensieri negativi, e meno distorsioni cognitive. La CBT è particolarmente utile nel prevenire le ricadute. Sono state utilizzate diverse varianti di terapia comportamentale cognitiva  nei pazienti depressi, emotiva soprattutto razionale.

La psicoanalisi è una scuola di pensiero, fondata da Sigmund Freud, che sottolinea la risoluzione dei conflitti psichici inconsci. Le tecniche psicoanalitiche sono utilizzate da alcuni operatori nel trattare i clienti che si presentano con depressione maggiore. Più largamente praticata, la tecnica eclettica, chiamata psicoterapia psicodinamica, è liberamente ispirata alla psicoanalisi e ha un occhio di riguardo sociale e interpersonale. In una meta-analisi di tre studi controllati di breve psicoterapia psicodinamica di sostegno, questa modifica è risultato essere efficace come il farmaco per lieve a moderata depressione.

 

La logoterapia, una forma di psicoterapia esistenziale sviluppata dallo psichiatra austriaco Viktor Frankl, affronta il riempimento di un "vuoto esistenziale", associato a sentimenti di inutilità e insensatezza. È postulato che questo tipo di psicoterapia può essere utile per la depressione in adolescenti più grandi.

 

Curare la depressione con gli Antidepressivi

Zoloft (sertralina) è principalmente usato per trattare la depressione maggiore nei pazienti adulti. Gli antidepressivi vengono prescritti nei casi con malattia molto grave. anche se in breve termine più pazienti, specialmente quelli con forme meno gravi di depressione cessano la farmaco-terapia molto probabilmente a causa degli effetti avversi da farmaci e alle preferenze dei pazienti 'per terapie psicologiche rispetto ai trattamenti farmacologici.

Per trovare il farmaco più efficace con effetti collaterali minimi, i dosaggi possono essere regolati, e, se necessario, si possono provare combinazioni di diverse classi di antidepressivi. I tassi di risposta alla prima serie di antidepressivi dimostra che sono necessarie almeno sei-otto settimane dall'inizio della terapia di remissione, quando il paziente è tornato alla vita normale. Il trattamento  con antidepressivi è di solito continuato per 16-20 settimane dopo la remissione, per minimizzare il rischio di recidiva,  ed è  anche consigliato fino a un anno di seguito è consigliato. Le persone affette da depressione cronica potrebbe essere necessario assumere farmaci a tempo indeterminato al fine di evitare ricadute.

 Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono i farmaci più prescritti  a causa della loro efficacia, per gli effetti collaterali relativamente lievi, e perché sono meno tossici in caso di sovradosaggio di altri antidepressivi.  I pazienti che non rispondono ad un SSRI possono passare a un altro  antidepressivo, e questo porta ad un miglioramento in quasi il 50% dei casi.  Un'altra opzione è quella di passare alla bupropione, antidepressivo atipico. La Venlafaxina, è un antidepressivo con un differente meccanismo di azione, che può  essere modestamente più efficace di un SSRI.  Tuttavia, la venlafaxina non è raccomandata come trattamento di prima linea a causa delle prove che suggeriscono che i suoi rischi possono superare i benefici,  ed è espressamente sconsigliato nei bambini e negli adolescenti.  Per la depressione adolescenziale, la fluoxetina  e escitalopram ​​sono le due scelte consigliate. Gli antidepressivi non sono ancora risultati  essere di beneficio nei bambini. Ci sono anche prove sufficienti per determinare l'efficacia nei pazienti con depressione complicata da demenza  Ogni antidepressivi può causare bassi livelli di sodio  (detto anche iponatriemia),  tuttavia, è stato segnalato più spesso con gli SSRI.  Non è raro che gli SSRI causino o peggiorino l'insonnia, può essere utilizzato in questi casi  la mirtazapina antidepressivo sedativo.

Gli inibitori della monoamino-ossidasi, una vecchia classe di antidepressivi, sono ancora utilizzati solo raramente, anche se sono state sviluppati gli agenti nuovi e meglio tollerati di questa classe.

I termini "depressione refrattaria" e "depressione resistente al trattamento", sono usate per descrivere i casi che non rispondono ad adeguati cicli di almeno due antidepressivi. In molti studi importanti, solo circa il 35% dei pazienti rispondono bene al trattamento medico . Può essere difficile per un medico  decidere quando qualcuno ha depressione resistente al trattamento o se il problema è dovuto a patologie coesistenti, che sono comuni tra i pazienti con depressione maggiore.

Un team di psicologi provenienti da più università americane ha scoperto che i farmaci antidepressivi difficilmente hanno effetti migliori di un placebo nei casi di depressione lieve o moderata, lo studio si è concentrato sulla paroxetina e l'imipramina.

Per i bambini, adolescenti, giovani adulti e probabilmente tra i 18-24 anni, c'è un rischio maggiore di entrambe le ideazioni suicidarie e comportamento suicidario nei pazienti trattati con SSRI. Per gli adulti, non è chiaro se SSRI influenzino  il rischio di suicidio. Una revisione ha trovato alcune connessioni: un aumento del rischio;  e un terzo il rischio in quelle 25-65 anni e una diminuzione del rischio in quelle più di 65 anni. I dati epidemiologici hanno dimostrato che l'uso diffuso degli antidepressivi nel nuovo "SSRI-era", è associata ad un calo significativo dei tassi di suicidio in molti paesi tradizionalmente con alti tassi di suicidio. La causalità della relazione è inconcludente.

 Curare la depressione con la Terapia elettroconvulsiva

La terapia elettroconvulsiva (ECT) è una procedura con la quale vengono inviati impulsi di energia elettrica al cervello attraverso due elettrodi, di solito una per ogni tempia, mentre il paziente è sotto un breve periodo di anestesia generale. Gli psichiatri raccomandano l’ECT per i casi di grave depressione maggiore che non hanno risposto ai farmaci antidepressivi o, meno spesso, alla psicoterapia o interventi di sostegno. L’ECT può avere un effetto più rapido rispetto alla terapia antidepressiva e quindi potrebbe essere il trattamento di scelta in caso di emergenza come la depressione catatonica, in cui il paziente ha smesso di mangiare e di bere, o quando un paziente è intenzionato a suicidarsi. L’ ECT è probabilmente più efficace della terapia farmacologica per la depressione a breve termine, anche se uno studio ha riscontrato tassi di remissione molto più bassi nella pratica di routine. Quando l’ECT è utilizzato da solo, il tasso di recidiva entro i primi sei mesi è molto alta; i primi studi mostrano il tasso intorno al 50%, mentre un controllo più recente  ha trovato tassi del 84% anche con placebo. Il tasso di recidiva precoce può essere ridotto con l'uso di psicofarmaci o  ECT, (anche se quest'ultimo non è consigliato da alcune autorità). Comunque i primi effetti negativi derivanti dall’ECT includono perdita di memoria a breve e lungo termine, disorientamento e mal di testa; anche se disturbi della memoria dopo ECT di solito si risolvono entro un mese, ECT rimane un trattamento controverso, e il dibattito sulla sua efficacia e la sicurezza continua.


 

  Risponderemo alle sue domande inviandoLe nella Sua Mail un file vocale che potrà ascoltare direttamente dal pc con le cuffiette o con

 

IL DIRETTORE

Dott. Pierpaolo Casto

Riceve a Casarano ( Le )

per Lecce, Brindisi,

Taranto

( Tel. 328. 9197451 )

 

Per Consulenza

da fuori regione

si riceve

su accordi telefonici

( Tel. 328. 9197451 )

*******************

 

RICHIEDI SUBITO

IL DVD DIRETTAMENTE

A CASA TUA

 

 

... E BASTA CON GLI

PSICOFARMACI !!!!!

PER CHI ASSUME

PSICOFARMACI

DA ANNI... MA NON

E' ANCORA GUARITO...!!!

 

 

 

***********

 

GRUPPO

PSICOLOGIA-ITALIA

 

ANSIA-ITALIA.IT

 

 

 

 

ATTACCHIDIPANICO.NET

 

ATTACCODIPANICO.ORG

 

  DEPRESSIONE

DEPRESSIONE * HOME |  CONTATTI  |   CHIEDI UN CONSIGLIO  CONSULENZA IN STUDIO | DOVE SIAMO

 

 

Direzione Scientifica  e Consulenze 

Dott. Casto Pierpaolo  - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Viale Mazzini, 76  73042 CASARANO ( Lecce )  Tel. 328. 9197451

 

  Nuova pagina 1