Nuova pagina 1

www.ansia-italia.it | www.attacchidipanico.net  | www.attaccodipanico.org  | www.attaccodipanico.eu | www.psicologia-italia.it www.sessuologia-italia.it

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA COGNITIVA E COMPORTAMENTALE - VIALE MAZZINI, 76  73042 CASARANO ( LECCE )  TEL. 328. 9197451

Per Appuntamento: Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale

 

  DEPRESSIONE

   

  DEPRESSIONE: INFORMAZIONE - CONSULENZA - DIAGNOSI - SOSTEGNO E PSICOTERAPIA

 

DEPRESSIONE * HOME |  CONTATTI  |   CHIEDI UN CONSIGLIO  CONSULENZA IN STUDIO | DOVE SIAMO

VORRESTI UNA CONSULENZA TELEFONICA OGGI STESSO CON IL DIRETTORE E PARLARE DEI TUOI PROBLEMI

 

  DEPRESSIONE

 

DEPRESSIONE

 

Cos'è la depressione

Diversi tipi di depressione

Depressione maggiore
Sintomi di depressione
Diagnosi della depressione
Come curare la depressione

Cura della depressione
Depressione nei bambini

Depressione negli adolescenti

Depressione negli uomini

Depressione nelle donne
Depressione negli anziani
Cause della depressione
Ereditare la depressione
Depressione da droga o alcol
Durata della cura della depressione
Depressione insieme ad altre malattie
Depressione
Depressione e società
Depressione e perdita di interessi
Depressione e peso

Curare la depressione con i farmaci

Terapia elettroconvulsiva della depressione

Problemi sessuali e antidepressivi

Come sospendere i farmaci per la depressione

Consigli per affrontare la depressione

Depressione e sonno
Depressione attività motoria
Depressione e stanchezza
Depressione e autostima
Depressione e concentrazione
Depressione e suicidio
Depressione bipolare
Sintomi della depressione bipolare
Sintomi della fase depressiva del disturbo bipolare
Sintomi della fase di mania della depressione bipolare
Sintomi di ipomania nella depressione
Sintomi dell’episodio depressivo misto
Caratteristiche associate del disturbo bipolare
Cause del disturbo bipolare
Sintomi e diagnosi del disturbo bipolare
Guarire dal disturbo bipolare
Il disturbo bipolare nei bambini

Curare la depressione
Cause della depressione bipolare
Cos'è la depressione bipolare e quali sono i sintomi

 

DEPRESSIONE POST PARTUM

 

Depressione post partum

Sintomi e segni della depressione post partum

Cause della depressione post partum

Prevenzione della depressione post partum

Cura e trattamento della depressione post partum

Sintomi e segni della psicosi post partum

Cura e psicoterapia della depressione post partum

Come la depressione post partum influenza il bambino

 

 

 

 

CURARE LA DEPRESSIONE CON I FARMACI ANTIDEPRESSIVI

 

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono farmaci che aumentano la quantità di serotonina  nel cervello. (Ricordate che i livelli di serotonina nel cervello sono spesso carenti nella depressione.) Come suggerisce il loro nome, il lavoro degli SSRI, è quello di inibire selettivamente (blocco) la ricaptazione della serotonina nel cervello. Questo blocco avviene nelle sinapsi, luogo in cui sono connesse le cellule cerebrali (neuroni) le une alle altre. La serotonina è una delle sostanze chimiche nel cervello che porta messaggi attraverso queste connessioni (sinapsi) da un neurone all'altro.

Il lavoro degli SSRI è di mantenere  alte le concentrazioni di serotonina nelle sinapsi. La ricaptazione della serotonina è responsabile della mancata produzione di nuova serotonina. Si pensa che questa, a sua volta, contribuisca a suscitare (attivare), le cellule che sono state disattivate ​​dalla depressione, alleviando così i sintomi della persona depressa.

Gli SSRI hanno meno effetti collaterali rispetto ai farmaci antidepressivi triciclici (TCA) e degli inibitori della monoamino-ossidasi (MAO). Gli SSRI non interagiscono con la tiramina  negli alimenti, come i-MAO, e quindi non richiedono restrizioni dietetiche come per i MAO. Inoltre, gli SSRI non causano ipotensione ortostatica (calo improvviso della pressione sanguigna quando si è seduti o in piedi) e disturbi del ritmo cardiaco, come fanno i TCA. Pertanto, gli SSRI sono spesso la prima linea di trattamento per la depressione. Esempi di SSRI comprendono fluoxetina (Prozac), Paroxetina (Paxil), Sertralina (Zoloft), Citalopram (Celexa), fluvoxamina (Luvox), e escitalopram (Lexapro).

Gli SSRI sono generalmente ben tollerati e gli effetti collaterali sono generalmente lievi. Gli effetti collaterali più comuni sono nausea, diarrea, agitazione, insonnia e mal di testa. Tuttavia, questi effetti collaterali di solito scompaiono entro il primo mese dall’ uso di SSRI. Alcuni pazienti hanno avuto effetti collaterali sessuali, come il calo del desiderio sessuale (calo della libido), orgasmo ritardato, o l'incapacità di avere un orgasmo. Alcuni pazienti avvertono tremori con l’uso di SSRI. I cosiddetti serotoninergici causano febbre alta, convulsioni e disturbi del ritmo cardiaco. Questa condizione è molto rara ed è stata riportata solo in pazienti psichiatrici molto malati che hanno  assunto  diversi farmaci psichiatrici.

Il verificarsi di effetti collaterali o la mancanza di un risultato soddisfacente con un SSRI non vuol dire che un altro farmaco in questo gruppo non sarà positivo. Tuttavia, se qualcuno nella famiglia del paziente ha avuto una risposta positiva ad un particolare farmaco, il suddetto farmaco  può essere quello preferibile.

-Antidepressivi a doppia azione: la realtà è che tutte le classi di farmaci che curano la depressione (IMAO, SSRI, triciclici e gli antidepressivi atipici) hanno un qualche effetto sulla norepinefrina e la serotonina, così come su altri neurotrasmettitori. Tuttavia, i vari farmaci influenzano i diversi neurotrasmettitori in gradi diversi.

 

Alcuni dei più recenti farmaci antidepressivi, tuttavia, sembrano avere effetti particolarmente robusti su entrambi i sistemi, di noradrenalina e serotonina. Questi farmaci sembrano essere molto promettenti, soprattutto per i casi più gravi e cronici di depressione. Venlafaxina (Effexor), duloxetina (Cymbalta) e desvenlafaxine (Pristiq) sono tre di questi composti a doppia azione. Effexor è un inibitore della ricaptazione della serotonina che, a dosi più basse, produce  bassi effetti collaterali caratteristici  degli SSRI. A dosi più alte, questo farmaco sembra bloccare la ricaptazione della noradrenalina. Così, la venlafaxina può essere considerato un SNRI, un inibitore della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina. Cymbalta e Pristiq tendono ad agire come la serotonina,  sono ugualmente potenti inibitori della ricaptazione della noradrenalina e della ricaptazione della serotonina, indipendentemente dalla dose. Mirtazapina (Remeron), un altro antidepressivo, è un composto tetraciclico. Funziona in modo diverso rispetto alle altre droghe. Essa colpisce la serotonina, ma in un sito postsinaptica (dopo la connessione tra le cellule nervose), aumentando anche i livelli di istamina, che può causare sonnolenza. Per questo motivo, mirtazapina viene dato al momento di coricarsi ed è spesso prescritto per le persone che hanno difficoltà ad addormentarsi. Diversamente da quelli che causano sedazione, questo farmaco ha effetti collaterali che sono simili a quelli dei farmaci SSRI, ma in misura minore, in molti casi.

Gli antidepressivi atipici sono così chiamati perché lavorano in una varietà di modi. Così, gli antidepressivi atipici non sono TCA, SSRI o SNRI, ma sono comunque efficaci nel trattamento della depressione per molte persone. Più in particolare, aumentano il livello di alcune sostanze neurochimiche nelle sinapsi del cervello (dove i nervi comunicano tra loro). Esempi di antidepressivi atipici sono nefazodone (Serzone), trazodone (Desyrel) e bupropione (Wellbutrin). La United States Food and Drug Administration (FDA) ha approvato anche il bupropione per l'uso nella dipendenza dalle sigarette. Questo farmaco è inoltre in fase di studio per il trattamento di disturbo da deficit di attenzione (ADD) o deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Questi problemi riguardano molti bambini e adulti e limitano la loro capacità di gestire i propri impulsi, la messa a fuoco, o  la concentrazione.

Litio (Eskalith, Lithobid), valproato (Depakene, Depakote), carbamazepina (Epitol, Tegretol) e Lamotrigina (Lamictal) sono stabilizzatori dell'umore e anticonvulsivanti. Essi sono stati usati per trattare la depressione bipolare. Alcuni farmaci antipsicotici, come ad esempio ziprasidone (Geodon), Risperidone (Risperdal), Quetiapina (Seroquel), Aripiprazolo (Abilify), asenapina (Saphris), e Paliperidone (Invega), sono efficaci stabilizzatori dell'umore e quindi sono stati talvolta usati per trattare la depressione bipolare, di solito in combinazione con altri antidepressivi.

 Gli inibitori delle monoaminossidasi (MAO) sono tra i primi antidepressivi utilizzati. Esempi di IMAO comprendono fenelzina (Nardil) e tranilcipromina (Parnate). I MAO aumentano i livelli di sostanze neurochimiche nelle sinapsi del cervello inibendo la monoamino-ossidasi, che è il principale enzima che scompone sostanze neurochimiche, come la norepinefrina. Quando la monoamino-ossidasi è inibita, la norepinefrina non si scompone e, di conseguenza, la quantità di noradrenalina nel cervello aumenta.

MAO può anche compromettere la capacità di abbattere la tiramina, una sostanza contenuta nei formaggi stagionati, vini, nella maggior parte delle noci, cioccolato, ed alcuni altri alimenti. La tiramina, come la noradrenalina, può aumentare la pressione sanguigna, pertanto, il consumo di cibi contenenti tiramina per un paziente che assume un farmaco IMAO, può causare elevati livelli ematici di tiramina e la pressione sanguigna pericolosamente alta. Inoltre, MAO possono interagire con farmaci per tosse e raffreddore rendendo  la pressione pericolosamente alta,  questo poiché questi farmaci contro il raffreddore e la tosse spesso contengono sostanze che possono anche aumentare la pressione sanguigna. A causa di questi farmaci e delle interazioni con gli alimenti, IMAO sono solitamente prescritti solo dopo che  altre opzioni di trattamento hanno fallito.

Gli antidepressivi triciclici (TCA) sono stati utilizzati per la prima volta negli anni ‘50 e '60 per curare la depressione. Si chiamano antidepressivi triciclici perché le loro strutture chimiche sono costituite da tre anelli chimici, essi operano principalmente aumentando il livello di noradrenalina nelle sinapsi del cervello, anche se possono anche influenzare i livelli di serotonina. I medici usano spesso TCA per il trattamento di depressione da moderata a grave. Esempi di antidepressivi triciclici sono amitriptilina (Elavil), protriptilina (Vivactil), desipramina (Norpramin), nortriptilina (Aventyl, Pamelor), imipramina (Tofranil), trimipramina (Surmontil), e perfenazina (Triavil).

 Gli antidepressivi tetraciclici sono simili  a quelli triciclici, ma la loro struttura dispone di quattro anelli chimici. Esempi di tetraciclici comprendono maprotilina (Ludiomil) e mirtazapina (Remeron).

TCA sono generalmente ben tollerati se correttamente prescritti e somministrati. Tuttavia, se assunti in dosi superiori, gli antidepressivi triciclici possono causare pericolo di vita e disturbi del ritmo cardiaco. Alcuni TCA possono anche avere effetti collaterali anticolinergici, che sono dovuti al blocco dell'attività dei nervi che sono responsabili per il controllo del battito cardiaco, movimento intestinale, vista, e per la produzione di saliva. Così, alcuni antidepressivi triciclici possono produrre secchezza delle fauci, visione offuscata, costipazione, e capogiro in posizione eretta. I risultati delle vertigini è la bassa pressione sanguigna che si verifica al momento in cui si sta in piedi (ipotensione ortostatica). Effetti collaterali anticolinergici possono anche aggravare un glaucoma ad angolo chiuso, ostruzione urinaria da ipertrofia prostatica benigna, e causare delirio negli anziani. TCA deve essere evitato nei pazienti con disturbi convulsivi o una storia di ictus.

 

Stimolanti come metilfenidato (Ritalin) o destroanfetamine (Dexedrine) sono usati principalmente per il trattamento della depressione resistente agli altri farmaci. Gli stimolanti sono più comunemente utilizzati insieme ad altri antidepressivi o altri farmaci, come stabilizzatori dell'umore, antipsicotici, o anche ormone tiroideo. A volte sono usati da soli, ma raramente. Il motivo per cui di solito vengono utilizzati con parsimonia e con altri farmaci per la depressione è che a differenza di altri farmaci, possono provocare una scarica di emozioni nelle persone depresse e non. Pertanto, gli stimolanti sono farmaci con potenziale tasso di  assuefazione


 

  Risponderemo alle sue domande inviandoLe nella Sua Mail un file vocale che potrà ascoltare direttamente dal pc con le cuffiette o con

 

IL DIRETTORE

Dott. Pierpaolo Casto

Riceve a Casarano ( Le )

per Lecce, Brindisi,

Taranto

( Tel. 328. 9197451 )

 

Per Consulenza

da fuori regione

si riceve

su accordi telefonici

( Tel. 328. 9197451 )

*******************

 

... E BASTA CON GLI

PSICOFARMACI !!!!!

PER CHI ASSUME

PSICOFARMACI

DA ANNI... MA NON

E' ANCORA GUARITO...!!!

RICHIEDI SUBITO LE

7 ORE DI AUDIO GUIDA

SUI DISTURBI D'ANSIA E

DI ATTACCHI DI PANICO

 

7 ORE IN

CONSULENZA AUDIO

 

 

 

***********

 

GRUPPO

PSICOLOGIA-ITALIA

 

ANSIA-ITALIA.IT

 

 

 

 

ATTACCHIDIPANICO.NET

 

ATTACCODIPANICO.ORG

 

  DEPRESSIONE

DEPRESSIONE * HOME |  CONTATTI  |   CHIEDI UN CONSIGLIO  CONSULENZA IN STUDIO | DOVE SIAMO

 

 

Direzione Scientifica  e Consulenze 

Dott. Casto Pierpaolo  - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Viale Mazzini, 76  73042 CASARANO ( Lecce )  Tel. 328. 9197451

 

 ©   GRUPPO PSICOLOGIA ITALIA -  NEL WEB DAL 2004

PSICOLOGIA-ITALIA  .IT  .COM  .ORG  .NET  .EU

www.ansia-italia.it  www.depressione-italia.it  www.ansiadaprestazione.eu www.attacchidipanico.net   www.attaccodipanico.org  

www.attaccodipanico.eu  www.sessuologia-italia.it  www.psicologo-lecce.it

  Nuova pagina 1