Depressione bipolare

DEPRESSIONE BIPOLARE

Le stime sul numero di persone che soffrono di episodi di depressione maggiore e disturbo depressivo maggiore (MDD) variano in modo significativo. Tra il 10% e il 25% delle donne, e tra il 5% e il 12% degli uomini soffrono di un episodio depressivo maggiore.

Un minor numero di persone, tra il 5% e il 9% delle donne e tra il 2% e il 3% degli uomini, avranno MDD, o vera e propria depressione. La depressione si verifica quasi due volte più spesso nelle donne adolescenti e adulte, nei maschi, e il periodo di picco di sviluppo è di età compresa tra 25 e 44 anni.

L’insorgenza di episodi di depressione maggiore o disturbo depressivo maggiore si verifica spesso nelle persone sulla ventina d’anni, e meno spesso in quelli con più di 65. Ragazze e ragazzi in età prepuberale sono colpiti in ugual misura. Inoltre, fattori socio-economici o ambientali non sembrano avere alcuna incidenza sulla comparsa di un episodio depressivo maggiore o disturbo depressivo maggiore.

Il disturbo bipolare o disturbo affettivo bipolare, storicamente conosciuta come malattia maniaco-depressiva, è una diagnosi psichiatrica che descrive una categoria di disturbi dell’umore definita dalla presenza di uno o più episodi di livelli anormalmente elevati di energia, la cognizione, e l’umore con o senza una o più episodi depressivi maggiori. Gli stati d’animo elevati sono clinicamente denominati mania o, se più lieve, ipomania. Gli individui che soffrono di episodi maniacali anche comunemente fanno esperienza di episodi depressivi, o sintomi, o di uno stato misto in cui le caratteristiche di entrambi, mania e depressione sono presenti allo stesso tempo. Questi eventi di solito sono separati da periodi di umore “normale”;. Ma , in alcuni individui, la depressione e mania possono alternarsi rapidamente, è conosciuta come cicli rapidi. Gravi episodi maniacali a volte possono portare a sintomi psicotici come deliri e allucinazioni. Il disturbo è stato suddiviso in bipolare di tipo I, II bipolare, ciclotimia, e altri tipi, in base alla natura e la gravità degli episodi di disturbo dell’umore.

Le stime della prevalenza una tantum del disturbo bipolare varia, con gli studi; di solito danno valori dell’ordine di 1%. L’esordio dei sintomi avviene generalmente nella tarda adolescenza e nei giovani di età adulta. La diagnosi si basa sulle auto-riferite esperienze, così come il comportamento osservato. Episodi di anormalità sono associati a disagio e disgregazione e a un elevato rischio di suicidio, soprattutto durante gli episodi depressivi. In alcuni casi, può essere una devastante malattia di lunga durata. Ci sono prove significative che suggeriscono che molte persone con talenti creativi hanno anche sofferto di qualche forma di disturbo bipolare. Si è spesso ipotizzato che la creatività e il disturbo bipolare siano collegati.

I fattori genetici contribuiscono in modo sostanziale nella probabilità di sviluppare il disturbo bipolare, e fattori ambientali sono anche implicati. Il disturbo bipolare è spesso trattato con farmaci stabilizzanti dell’umore e, talvolta, altri psicofarmaci. Nei casi più gravi, in cui vi sia un rischio di danno a se stessi o agli altri, l’impegno involontario può essere utilizzato. Questi casi generalmente coinvolgono episodi maniacali gravi, con un comportamento pericoloso o episodi depressivi con ideazione suicidaria. Ci sono problemi diffusi con stigma sociale, stereotipi e pregiudizi contro gli individui con una diagnosi di disturbo bipolare. Le persone con disturbo bipolare presentano sintomi psicotici che a volte possono essere confusi con la schizofrenia, una grave malattia mentale.

L’attuale termine disturbo bipolare è di origine piuttosto recente e si riferisce al ciclismo tra gli episodi di alti e bassi . Una relazione tra mania e melanconia era stata a lungo osservata, anche se la base della concettualizzazione corrente può essere fatta risalire agli psichiatri francesi nel 1850. Il termine “malattia maniaco-depressiva” o psicosi è stato coniato dallo psichiatra tedesco Emil Kraepelin a fine del XIX secolo, in origine il riferimento a tutti i tipi di disturbo dell’umore. Lo psichiatra tedesco Karl Leonhard divide la classificazione di nuovo nel 1957, impiegando i termini disturbo unipolare (disturbo depressivo maggiore) e disturbo bipolare.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2017 Frontier Theme