Depressione e società

DEPRESSIONE E SOCIETA’

Il presidente americano Abramo Lincoln soffriva di “melanconia”, una condizione che oggi può essere indicata come depressione clinica.

Le concettualizzazioni della gente sulla depressione variano ampiamente, sia all’interno che tra le culture. “A causa della mancanza di certezza scientifica”, un commentatore ha osservato, “il dibattito sulla depressione accende questioni sulla lingua. Ci sono differenze culturali nella misura in cui la depressione è considerata come una grave malattia che richiede un trattamento personale professionale, o è un indicatore di qualcos’altro, come ad esempio la necessità di affrontare problemi sociali o morali, il risultato di squilibri biologici, o un riflesso delle differenze individuali nella comprensione del disagio che può rafforzare i sentimenti di impotenza, e la lotta emotiva.

C’è stata anche la preoccupazione che il DSM, tende a reitificare fenomeni astratti come la depressione, che possono di fatto essere costruzioni sociali. Lo psicologo americano James Hillman scrive che la depressione può essere salutare per l’anima, in quanto “porta rifugio, limitazione, messa a fuoco, la gravità, peso, impotenza e umile”. Hillman sostiene che i tentativi terapeutici per eliminare la depressione fanno eco sul tema cristiano della risurrezione, ma hanno l’effetto perverso di demonizzare uno stato dell’anima.

Le opinioni pubbliche sul trattamento differiscono notevolmente da quelle del personale sanitario. Trattamenti alternativi sono ritenuti più utili rispetto a quelli farmacologici. Nel Regno Unito, il Royal College of Psychiatrists e al Royal College of General Practitioners ha condotto una campagna per educare e ridurre lo stigma 1992-1996.

Un episodio depressivo maggiore è stato formalizzato nei criteri diagnostici psichiatrici, come il DSM-IV e ICD-10, ed è caratterizzato da grave depressione molto persistente, e una perdita di interesse o piacere nelle attività quotidiane, che spesso si manifesta con mancanza di appetito, disturbi del sonno. L’individuo può pensare al suicidio, e in effetti è presente un aumento del rischio di suicidio vero e proprio.

In aggiunta al dolore emotivo sopportato da chi soffre di depressione, notevoli costi economici sono associati alla depressione. Infatti, gli studi americani e canadesi hanno indicato che i costi associati alla depressione sono maggiori di quelli associati all’ ipertensione, e uguali a quelli di malattie cardiache, diabete e problemi alla schiena.

I criteri di seguito elencati si basano sui formali criteri DSM-IV per un Episodio Depressivo Maggiore. Una diagnosi di episodio depressivo maggiore si ha quando il paziente ha, nel corso di un periodo di due settimane cinque o più dei sintomi di seguito, e questi devono essere al di fuori del comportamento normale del paziente. In entrambi i casi l’umore depresso o diminuito interesse di piacere deve essere uno dei cinque sintomi (anche se entrambi sono spesso concomitanti).

Quasi tutti i giorni, il paziente riferisce di uno stato d’animo depresso o appare depresso per gli altri.

Il paziente può affermare che lui o lei è stato triste, depresso, vuoto, “giù di corda,” senza speranza, ecc Se il paziente è nella negazione di questi sentimenti, sembra essere ancora sull’orlo del pianto , manifesta una espressione facciale depressa , o sembra essere eccessivamente irritabile, questi possono anche indicare la presenza di umore depresso. Alcune persone possono riferire disturbi fisici (per esempio, dolori, mal di testa) piuttosto che umore depresso, sintomi fisici e senza causa fisica a volte sono indicatori della depressione.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2015 Frontier Theme