Nuova pagina 1

www.ansia-italia.it | www.attacchidipanico.net  | www.attaccodipanico.org  | www.attaccodipanico.eu | www.psicologia-italia.it www.sessuologia-italia.it

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA COGNITIVA E COMPORTAMENTALE - VIALE MAZZINI, 76  73042 CASARANO ( LECCE )  TEL. 328. 9197451

Per Appuntamento: Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale

 

  DEPRESSIONE

   

  DEPRESSIONE: INFORMAZIONE - CONSULENZA - DIAGNOSI - SOSTEGNO E PSICOTERAPIA

 

DEPRESSIONE * HOME |  CONTATTI  |   CHIEDI UN CONSIGLIO  CONSULENZA IN STUDIO | DOVE SIAMO

VORRESTI UNA CONSULENZA TELEFONICA OGGI STESSO CON IL DIRETTORE E PARLARE DEI TUOI PROBLEMI

 

  DEPRESSIONE

 

DEPRESSIONE

 

Cos'è la depressione

Diversi tipi di depressione

Depressione maggiore
Sintomi di depressione
Diagnosi della depressione
Come curare la depressione

Cura della depressione
Depressione nei bambini

Depressione negli adolescenti

Depressione negli uomini

Depressione nelle donne
Depressione negli anziani
Cause della depressione
Ereditare la depressione
Depressione da droga o alcol
Durata della cura della depressione
Depressione insieme ad altre malattie
Depressione
Depressione e società
Depressione e perdita di interessi
Depressione e peso

Curare la depressione con i farmaci

Terapia elettroconvulsiva della depressione

Problemi sessuali e antidepressivi

Come sospendere i farmaci per la depressione

Consigli per affrontare la depressione

Depressione e sonno
Depressione attività motoria
Depressione e stanchezza
Depressione e autostima
Depressione e concentrazione
Depressione e suicidio
Depressione bipolare
Sintomi della depressione bipolare
Sintomi della fase depressiva del disturbo bipolare
Sintomi della fase di mania della depressione bipolare
Sintomi di ipomania nella depressione
Sintomi dell’episodio depressivo misto
Caratteristiche associate del disturbo bipolare
Cause del disturbo bipolare
Sintomi e diagnosi del disturbo bipolare
Guarire dal disturbo bipolare
Il disturbo bipolare nei bambini

Curare la depressione
Cause della depressione bipolare
Cos'è la depressione bipolare e quali sono i sintomi

 

DEPRESSIONE POST PARTUM

 

Depressione post partum

Sintomi e segni della depressione post partum

Cause della depressione post partum

Prevenzione della depressione post partum

Cura e trattamento della depressione post partum

Sintomi e segni della psicosi post partum

Cura e psicoterapia della depressione post partum

Come la depressione post partum influenza il bambino

 

 

 

 

DIAGNOSI, DEFINIZIONE E RICONOSCIMENTO DELLA DEPRESSIONE

                                

Le persone che manifestano i sintomi, devono parlare con il loro medico per assicurarsi se hanno o no la depressione, possono prendere in considerazione dei test, che pongono delle domande sui sintomi depressivi. Rivolgersi al medico, è consigliabile quando il sofferente, prova una persistente sensazione di tristezza che dura più di due settimane o giù di lì, o se il modo in cui si sentono, interferisce con le attività quotidiane, a scuola o a lavoro e nelle loro relazioni con gli altri. Il primo passo per ottenere un trattamento appropriato è la diagnosi accurata, che richiede una completa valutazione fisica e psicologica per stabilire se la persona può avere una malattia depressiva, e in caso affermativo, di che tipo. Come accennato in precedenza, alcuni farmaci, così come alcune condizioni mediche, possono causare sintomi di depressione. Pertanto, il medico esaminatore dovrebbe escludere queste possibilità attraverso un colloquio, l'esame obiettivo ed esami di laboratorio. Molti medici di assistenza primaria utilizzano strumenti di screening, test di sintomi, per la depressione, che di solito sono questionari che consentono di identificare le persone che hanno sintomi di depressione e potrebbe essere necessario ricevere una completa valutazione della salute mentale.

Una valutazione diagnostica completa comprende una cronologia completa dei sintomi del paziente:

      1. Quando hanno avuto inizio i sintomi?

      2. Quanto tempo sono durati?

      3. Quanto sono gravi?

Il medico chiede di solito se si fa uso di alcol e droga e se il paziente ha avuto pensieri di morte o suicidio. Inoltre, la storia spesso include interrogativi sul fatto che altri membri della famiglia hanno avuto una malattia depressiva, e se trattata, bisogna sapere  che tipo di trattamenti hanno ricevuto e se sono stati efficaci.

Una valutazione diagnostica comprende anche un esame dello stato mentale del paziente, per determinare se  il modello di pensiero, o la memoria è stata colpita, come spesso accade in caso di depressione o di malattia maniaco-depressiva.

Una valutazione diagnostica può essere effettuata da un medico adeguatamente informato, o da uno psichiatra o psicologo, che registra la situazione attuale della persona, la storia biografica, i sintomi attuali e la storia familiare. L'obiettivo generale clinico è quello di formulare i fattori rilevanti biologici, psicologici e sociali che possono influire sull'umore della persona. Il valutatore può anche discutere i modi attuali della persona di regolare il loro stato d'animo (sano o meno) come l'uso di alcol e droga. La valutazione include anche un esame di stato mentale, che è una valutazione dello stato d'animo attuale della persona e il pensiero di contenuti, in particolare la presenza di temi di disperazione o pessimismo, autolesionismo o suicidio, e l'assenza di pensieri positivi. Il punteggio su una scala di valutazione da sola non è sufficiente per diagnosticare la depressione per la soddisfazione del DSM o ICD, ma fornisce una indicazione della gravità dei sintomi per un periodo di tempo, quindi una persona che segna soprattutto un dato può essere più accuratamente valutato per una diagnosi di disturbo depressivo. Diverse scale di valutazione vengono utilizzate per questo scopo per migliorare la rilevazione della depressione, ma ci sono prove che essi non migliorare i tassi di individuazione, trattamento, o esito.

 

I medici di base hanno spesso difficoltà a diagnosticare la depressione, in parte perché sono addestrati a riconoscere e trattare i sintomi fisici e la depressione può causare una miriade di sintomi fisici (psicosomatica), si finisce così a curare inutilmente dei pazienti depressi. Prima di diagnosticare un disturbo depressivo maggiore, un medico esegue in genere una visita medica e le indagini selezionate per escludere altre cause dei sintomi. Questi comprendono esami del sangue misurazione del TSH e tiroxina per escludere l'ipotiroidismo, elettroliti sierici di calcio di base e per escludere un disturbo metabolico e un emocromo completo, compreso VES per escludere un'infezione o una malattia sistemica cronica. Le reazioni avverse ai farmaci o l’affettivo abuso di alcol sono spesso esclusi, pure. I livelli di testosterone possono essere valutati per diagnosticare l'ipogonadismo, una causa di depressione negli uomini.

 

Problemi di natura cognitiva appaiono nelle persone anziane depresse, ma possono anche essere indicativi della comparsa di un disturbo demenza, come la malattia di Alzheimer; test cognitivi e di imaging del cervello può aiutare a distinguere la depressione dalla demenza. Così come la Tac può escludere una patologia cerebrale nei pazienti con psicosi, rapida insorgenza o comunque inusuali sintomi. Nessun test biologico può confermare la depressione maggiore. Le indagini non sono generalmente ripetute per un episodio successivo a meno che non vi sia una indicazione medica.

Si è cercato di capire se i biomarcatori di depressione possano fornire un metodo obiettivo di diagnosi. Ci sono diversi potenziali biomarcatori, e varie tecniche di risonanza magnetica funzionale. Uno studio ha messo a punto un modello di struttura decisionale di interpretare una serie di scansioni fMRI scattate durante le varie attività. Gli autori di questo studio sono stati in grado di raggiungere una sensibilità dell’ 80% e una sensibilità dell’ 87%, corrispondente ad un valore predittivo negativo del 98% e un valore predittivo positivo del 32% (rapporto di verosimiglianza positivo e negativo sono stati 6,15 , 0,23 rispettivamente). Tuttavia, la ricerca richiede molto di più prima che questi test possano essere utilizzati clinicamente.

 

DSM-IV-TR e criteri ICD-10

 

I criteri più utilizzati per la diagnosi delle condizioni depressive si trovano in edizione riveduta quarto American Psychiatric Association del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-IV-TR), e la classificazione internazionale di statistica dell'Organizzazione mondiale della sanità delle malattie e dei problemi correlati alla salute (ICD-10) che usa il nome di ricorrente disturbo depressivo. Questo sistema è tipicamente utilizzato nei paesi europei, mentre il primo viene utilizzato negli Stati Uniti e molte altre nazioni non europee, e gli autori di entrambi i testi hanno lavorato in direzione conforme uno con l'altro.

Sia il DSM-IV-TR e che ICD-10 segnano i tipici (principale), sintomi depressivi. ICD-10 definisce tre tipici sintomi depressivi (umore depresso, anedonia, ed energia ridotta), due dei quali dovrebbero essere presenti per determinare la diagnosi del disturbo depressivo. Secondo il DSM-IV-TR ci sono due sintomi depressivi, umore depresso principale, e anedonia, almeno uno dei quali deve essere presente per stabilire la diagnosi di episodio depressivo maggiore.

Il disturbo depressivo maggiore è classificato come un disturbo dell'umore nel DSM-IV-TR. Il Disturbo Depressivo non altrimenti specificato viene diagnosticato se la manifestazione dell'episodio depressivo non soddisfa i criteri per un episodio depressivo maggiore. L'ICD-10 non usa il termine disturbo depressivo maggiore, ma elenca i criteri molto simili per la diagnosi di un episodio depressivo (lieve, moderata o grave).

 

Episodio depressivo maggiore

 

Un episodio depressivo maggiore è caratterizzato dalla presenza di un umore gravemente depresso che persiste per almeno due settimane. Gli episodi possono essere isolati o ricorrenti e sono classificati come lievi (pochi sintomi in eccesso di criteri minimi), moderata o grave (forte impatto sul funzionamento sociale o lavorativo). Un episodio con caratteristiche psicotiche, comunemente indicata come la depressione psicotica, viene automaticamente valutato come grave. Se il paziente ha avuto un episodio di mania o di umore marcatamente elevato, una diagnosi di disturbo bipolare è fatto, invece. La depressione senza mania è a volte indicata come unipolare, perché lo stato d'animo rimane in uno stato emotivo o "polo".

Il DSM-IV-TR esclude casi in cui i sintomi sono il risultato di lutto, anche se è possibile per un lutto normale evolversi in un episodio depressivo se l'umore negativo persiste e le caratteristiche di un episodio depressivo maggiore si sviluppa. I criteri sono stati criticati perché non tengono conto di eventuali altri aspetti del contesto personale e sociale in cui la depressione può verificarsi. Inoltre, alcuni studi hanno trovato poco sostegno empirico per i criteri del DSM-IV , indicando che sono una convenzione diagnostica imposta su un continuum di sintomi depressivi di gravità variabile e durata. Sono esclusi una serie di diagnosi correlate, ivi incluse distimia, che comporta una alterazione dell'umore cronica, ma più mite; la depressione ricorrente breve, composta da brevi episodi depressivi episodi, i disturbi depressivi minori, in cui soltanto alcuni dei sintomi di depressione maggiore sono presenti; e disturbo dell'adattamento con umore depresso, che denota l'umore basso risultante da una risposta psicologica ad un evento stressante o identificabile.

 

Sottotipi

 

Il DSM-IV-TR riconosce cinque ulteriori sottotipi di MDD, chiamato committente, oltre alla nota della gravità, della lunghezza e la presenza di manifestazioni psicotiche:

 

* La depressione malinconica è caratterizzata da una perdita di piacere nelle attività di tutti i giorni,un fallimento di reattività agli stimoli piacevoli, una qualità di umore depresso più pronunciata di quella del dolore o di una perdita, un peggioramento dei sintomi nelle prime ore del mattino, la mattina presto, un ritardo psicomotorio, perdita di peso eccessivo (da non confondere con anoressia nervosa), o sensi di colpa eccessivi.

* La depressione atipica è caratterizzata da reattività dell'umore (paradossale anedonia) e positività, significativo aumento di peso o aumento dell'appetito, sonno eccessivo o sonnolenza (ipersonnia), una sensazione di pesantezza degli arti conosciuta come paralisi di piombo, e significativa compromissione sociale, una conseguenza di ipersensibilità al rifiuto interpersonale percepito.

* La depressione catatonica è una forma rara e grave di depressione maggiore che coinvolge disturbi del comportamento motorio e altri sintomi. Qui la persona è muta, e rimane immobile o mostra movimenti senza uno scopo o addirittura bizzarro. Sintomi catatonici si verificano anche nella schizofrenia o in episodi maniacali, o può essere causata da sindrome neurolettica maligna.

* La depressione post-partum, o disturbi mentali e comportamentali associati con il puerperio, non sono classificate altrove, si riferisce alla intensa depressione e talvolta i sintomi vissuti sono invalidanti per le donne dopo il parto. La depressione post-partum ha un tasso di incidenza del 10-15% tra le neo-mamme. Il DSM-IV stabilisce che, per qualificarsi come la depressione post-partum, l'esordio si verifica entro un mese dalla nascita e la depressione post-partum può durare fino a tre mesi.

* Il disturbo affettivo stagionale (SAD) è una forma di depressione in cui gli episodi depressivi si succedono in autunno o in inverno, e si risolvono in primavera. La diagnosi viene fatta se almeno due episodi si sono verificati nei mesi freddi,ripetendosi nel corso di un periodo di due anni o più.

 

Diagnosi differenziale della depressione

 

Per parlare di disturbo depressivo maggiore, come la diagnosi più probabile, altre diagnosi potenziali deve essere considerate, tra cui distimia, disturbo dell'adattamento con umore depresso o disturbo bipolare. La distimia è una malattia cronica, con disturbi dell'umore lievi in ​​cui una persona riporta un umore basso quasi ogni giorno in un arco di almeno due anni. I sintomi non sono così gravi come quelli per la depressione maggiore, anche se le persone con distimia sono vulnerabili a episodi secondari di depressione maggiore (a volte indicato come depressione doppia). La regolazione del disordine con umore depresso è un disturbo dell'umore che appare come una risposta psicologica ad un evento stressante identificabile o, in cui i sintomi emotivi o comportamentali conseguenti sono notevoli, ma non soddisfano i criteri per un episodio depressivo maggiore. Il disturbo bipolare, conosciuto anche come malattia maniaco-depressiva, è una condizione in cui le fasi depressive si alternano a periodi di mania o ipomania. Anche se la depressione è attualmente classificata come un disturbo a parte, non c'è dibattito in corso perché gli individui con diagnosi di depressione maggiore hanno spesso alcuni sintomi ipomaniacali, che indicano un continuo disturbo dell'umore.

Altre patologie devono essere escluse prima di poter fare una diagnosi del disturbo depressivo maggiore. Essi comprendono le depressioni a causa di malattia fisica, farmaci e abuso di sostanze. La depressione a causa di malattia fisica viene diagnosticata come un disturbo dell'umore dovuto ad una condizione medica generale. Questa condizione è determinata sulla base della storia, dati di laboratorio o esame fisico. Quando la depressione è causata da una sostanza abusata tra cui una droga di abuso, un farmaco o dell'esposizione ad una tossina, è poi diagnosticata come un disturbo dell'umore indotto da sostanza. In tali casi, una sostanza è eziologicamente relativa al disturbo dell'umore.

 

Il disturbo schizoaffettivo è diverso dal disturbo depressivo maggiore con manifestazioni psicotiche, perché nel disturbo schizoaffettivo devono esserci almeno due settimane di deliri o allucinazioni in assenza di rilevanti sintomi dell'umore.

I sintomi depressivi possono essere identificati durante la schizofrenia, il disturbo delirante, e il disturbo psicotico non altrimenti specificato, e in questi casi, i sintomi sono considerati funzioni associate di questi disturbi, quindi, una diagnosi separata non è ritenuta necessaria a meno che i sintomi depressivi soddisfino criteri per un episodio depressivo maggiore. In questo caso, una diagnosi di disturbo depressivo non altrimenti specificata può essere fatta così come una diagnosi di schizofrenia.

Alcuni sintomi cognitivi della demenza, come disorientamento, apatia, difficoltà di concentrazione e perdita di memoria possono confondersi con un episodio depressivo maggiore nel disturbo depressivo maggiore. Essi sono particolarmente difficili da determinare nei pazienti anziani. In questi casi, lo stato pre-morboso del paziente può essere utile per differenziare entrambi i disturbi. Nel caso di demenza, si tende ad essere una storia pre-morbosa di declino della funzione cognitiva. Nel caso di un disturbo depressivo maggiore i pazienti tendono a mostrare uno stato pre-morboso relativamente normale e un brusco declino cognitivo associato alla depressione.
 

  Risponderemo alle sue domande inviandoLe nella Sua Mail un file vocale che potrà ascoltare direttamente dal pc con le cuffiette o con

 

IL DIRETTORE

Dott. Pierpaolo Casto

Riceve a Casarano ( Le )

per Lecce, Brindisi,

Taranto

( Tel. 328. 9197451 )

 

Per Consulenza

da fuori regione

si riceve

su accordi telefonici

( Tel. 328. 9197451 )

*******************

 

... E BASTA CON GLI

PSICOFARMACI !!!!!

PER CHI ASSUME

PSICOFARMACI

DA ANNI... MA NON

E' ANCORA GUARITO...!!!

RICHIEDI SUBITO LE

7 ORE DI AUDIO GUIDA

SUI DISTURBI D'ANSIA E

DI ATTACCHI DI PANICO

 

7 ORE IN

CONSULENZA AUDIO

 

 

 

***********

 

GRUPPO

PSICOLOGIA-ITALIA

 

ANSIA-ITALIA.IT

 

 

 

 

ATTACCHIDIPANICO.NET

 

ATTACCODIPANICO.ORG

 

  DEPRESSIONE

DEPRESSIONE * HOME |  CONTATTI  |   CHIEDI UN CONSIGLIO  CONSULENZA IN STUDIO | DOVE SIAMO

 

 

Direzione Scientifica  e Consulenze 

Dott. Casto Pierpaolo  - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Viale Mazzini, 76  73042 CASARANO ( Lecce )  Tel. 328. 9197451

 

 ©   GRUPPO PSICOLOGIA ITALIA -  NEL WEB DAL 2004

PSICOLOGIA-ITALIA  .IT  .COM  .ORG  .NET  .EU

www.ansia-italia.it  www.depressione-italia.it  www.ansiadaprestazione.eu www.attacchidipanico.net   www.attaccodipanico.org  

www.attaccodipanico.eu  www.sessuologia-italia.it  www.psicologo-lecce.it

  Nuova pagina 1