Durata della cura della depressione

DURATA DELLA CURA DELLA DEPRESSIONE

Episodi di depressione maggiore spesso si risolvono con il tempo anche se non vengono trattati. Le liste d’attesa ambulatoriali mostrano una riduzione del 10-15% della sintomatologia entro pochi mesi, con circa il 20% di casi che non soddisfano più i criteri per un disturbo depressivo. La durata media di un episodio è stato stimato in 23 settimane , con il più alto tasso di recupero nei primi tre mesi.

Gli studi hanno dimostrato che l’80% di coloro che soffrono il loro primo episodio depressivo maggiore soffre di almeno più di un episodio durante la loro vita, con una media di 4 episodi. Altri studi indicano che circa la metà di quelli che hanno un episodio (trattato o non) recuperano e stanno bene, mentre l’altra metà avrà almeno un episodio, e circa il 15% avranno una malattia cronica. Gli studi di reclutamento da fonti ospedaliere selettive suggeriscono recupero inferiore e maggiore cronicità, mentre gli studi sui pazienti ambulatoriali mostrano che quasi tutti recuperano. Circa il 90% di quelli con depressione grave o psicotica, molti dei quali anche soddisfano i criteri per altri disturbi mentali, hanno episodi ricorrenti.

Il rischio di recidiva è più probabile se i sintomi non sono completamente risolti con il trattamento. Le attuali linee guida consigliano l’uso di antidepressivi continuato per quattro-sei mesi dopo la remissione per prevenire le ricadute. Molti studi controllati indicano che continuare con l’uso di farmaci antidepressivi dopo il recupero può ridurre la probabilità di recidiva del 70% (41% nel gruppo placebo contro il 18% con antidepressivi). L’effetto preventivo dura probabilmente per almeno i primi 36 mesi di utilizzo.

Le persone che sperimentano ripetuti episodi di depressione richiedono un trattamento in corso al fine di prevenire la depressione a lungo termine. In alcuni casi, la gente ha bisogno di assumere farmaci per lunghi periodi di tempo o per il resto della loro vita.

I casi in cui si è stati curati con il trattamento inadeguato, hanno portato gravi sintomi iniziali che possono includere psicosi, età di insorgenza, più episodi precedenti, recupero incompleto dopo 1 anno, pre-esistenti gravi disturbi mentali o medici, e disfunzioni familiari.

Gli individui depressi hanno un’aspettativa di vita inferiore rispetto a quelli senza depressione, in parte perché i pazienti depressi sono a rischio di morte per suicidio. Tuttavia, essi hanno anche un tasso più elevato di morire per altre cause, sono più suscettibili dei pazienti con gravi condizioni mediche, come le malattie cardiache. Fino al 60% delle persone che si suicidano hanno un disturbo dell’umore come la depressione maggiore, e il rischio è particolarmente elevato se una persona ha uno spiccato senso di disperazione e ha sia la depressione che il disturbo borderline di personalità. Il rischio di suicidio associato con una diagnosi di depressione maggiore è stimato a 3,4%, quasi il 7% per gli uomini e 1% per le donne, (anche se tentativi di suicidio sono più frequenti nelle donne). La stima è sostanzialmente inferiore a quella precedentemente con una cifra pari al 15% che derivava da studi condotti su pazienti anziani ricoverati in ospedale.

La depressione è spesso associata a disoccupazione e povertà. La depressione maggiore è attualmente la principale causa di malattia nei paesi ad alto reddito, e la quarta causa principale di morte in tutto il mondo. Nel 2030, si prevede essere la seconda causa di morte per malattia in tutto il mondo dopo l’HIV, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Un ritardo o il fallimento nella ricerca di trattamento dopo una ricaduta, e il fallimento dei professionisti sanitari di fornire un trattamento , sono due barriere da eliminare.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2015 Frontier Theme