Ereditare la depressione

EREDITARE LA DEPRESSIONE

Dal punto di vista della teoria evoluzionista, la depressione maggiore è ipotizzata, in alcuni casi, per aumentare la capacità riproduttiva di un individuo. Approcci evolutivi alla depressione e dei meccanismi evolutivi pongono la psicologia specifica che la depressione potrebbe essere geneticamente incorporato nel patrimonio genetico umano, rappresentando l’ereditabilità elevata prevalenza di depressione e proponendo che alcuni componenti della depressione sono adattamenti, come i comportamenti relativi al rango e l’attaccamento e sociale. I comportamenti attuali possono essere spiegati come adattamenti a regolare i rapporti o le risorse, anche se il risultato può essere disadattivo in ambienti moderni.

Da un altro punto di vista, un terapeuta può non vedere la depressione come una malattia o un disturbo biochimico, ma come “una specie di pensieri che si è evoluta di programmi emozionali che sono per lo più attivati da una percezione, quasi sempre negativa, di un declino importante utilità personale , che a volte può essere collegato al rifiuto, senso di colpa o vergogna “. I sentimenti di inutilità generati da questa marginalizzazione potrebbe ipoteticamente essere la richiesta di supporto da parte di amici e parenti. Inoltre, in un modo analogo a quello in cui il dolore fisico si è evoluto per impedire azioni che possono causare ulteriori danni, “miseria psichica” si siano evoluti per prevenire le reazioni affrettate e disadattive a situazioni angoscianti.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2015 Frontier Theme