Sintomi di depressione

SINTOMI DI DEPRESSIONE

La depressione influenza in modo significativo la vita familiare di una persona e le relazioni personali, di lavoro o di vita scolastica, sonno e le abitudini alimentari, e la salute generale. Il suo impatto sul funzionamento e sul benessere è stata equiparato a quello di patologie croniche come il diabete.

La depressione fa parte dei disturbi dell’umore, insieme ad altre patologie come la mania e il disturbo bipolare. Essa può assumere la forma di un singolo episodio transitorio (si parlerà quindi di episodio depressivo) oppure di un vero e proprio disturbo (si parlerà quindi di disturbo depressivo). L’episodio o il disturbo depressivo sono a loro volta caratterizzati da una maggiore o minore gravità. Quando i sintomi sono tali da compromettere l’adattamento sociale si parlerà di disturbo depressivo maggiore, in modo da distinguerlo da depressioni minori che non hanno gravi conseguenze e spesso sono normali reazioni ad eventi luttuosi.

La depressione varia da persona a persona, ma ci sono alcuni segni e sintomi comuni. E ‘importante ricordare che questi sintomi possono essere parte della normalità, ma più i sintomi sono intensi, e più a lungo durano, più è probabile che si abbia a che fare con la depressione. Quando questi sintomi diventano schiaccianti e invalidanti, allora è il momento di chiedere aiuto.

I segni e sintomi più comuni della depressione sono:

* I sentimenti di impotenza e disperazione. Una triste prospettiva della vita, per cui non accadrà mai più qualcosa di bello.

* Perdita di interesse nelle attività quotidiane. Non si ha nessun interesse per hobby, passatempi, attività sociali, o il sesso. Hai perso la capacità di provare gioia e piacere.

* Variazioni di peso. Significativa perdita di peso o aumento di peso, un cambiamento superiore al 5% del peso corporeo in un mese.

* Modifiche nel sonno, insonnia, o dormire troppo (noto anche come ipersonnia).

* La rabbia o irritabilità. Sensazione di agitazione, irrequietezza, o addirittura si diventa violenti. Il livello di tolleranza è basso.

* Perdita di energia. Sensazione di affaticamento, rallentamento, ci si può sentire appesantiti, e anche i più piccoli compiti risultano estenuanti.

* Disgusto di sé. Forti sentimenti di inutilità o senso di colpa, ci si critica duramente per difetti percepiti ed errori.

* Comportamento sconsiderato. Ci si impegna in un comportamento d’evasione, come l’abuso di sostanze, gioco d’azzardo, guida spericolata, o sport pericolosi.

* Problemi di concentrazione, di messa a fuoco, nel prendere decisioni, o ricordare le cose.

* Dolori immotivati, aumento di disturbi fisici come mal di testa, mal di schiena, dolori muscolari e mal di stomaco.

L’episodio depressivo maggiore è caratterizzato da sintomi che durano almeno due settimane causando una compromissione significativa del funzionamento sociale, lavorativo o di altre aree importanti. Fra i principali

SINTOMI DELLA DEPRESSIONE si segnalano:

1. Umore depresso per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno.
2. Marcata diminuzione di interesse o piacere per tutte, o quasi tutte, le attività per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno (anedonia).
3. Significativa perdita di peso, in assenza di una dieta, o significativo aumento di peso, oppure diminuzione o aumento dell’appetito quasi ogni giorno.
4. Insonnia o ipersonnia quasi ogni giorno.
5. Agitazione o rallentamento psicomotorio quasi ogni giorno.
6. Affaticabilità o mancanza di energia quasi ogni giorno.
7. Sentimenti di autosvalutazione oppure sentimenti eccessivi o inappropriati di colpa quasi ogni giorno.
8. Diminuzione della capacità di pensare o concentrarsi, o difficoltà a prendere decisioni, quasi ogni giorno.
9. Ricorrenti pensieri di morte, ricorrente ideazione suicida senza elaborazione di piani specifici, oppure un tentativo di suicidio o l’elaborazione di un piano specifico per commettere suicidio.

Per parlare di episodio depressivo maggiore è necessaria la presenza di almeno cinque dei sintomi sopra elencati.

Nella maggior parte dei casi, però, la depressione si configura come disturbo depressivo maggiore, cioè un decorso clinico caratterizzato da più episodi depressivi maggiori; nel 40-50% dei casi, infatti, un episodio depressivo maggiore sarà seguito da un ulteriore episodio depressivo, portando quindi alla formazione di un disturbo depressivo.

Una persona che ha un episodio depressivo maggiore di solito presenta un umore molto basso, che pervade tutti gli aspetti della vita, e l’incapacità di provare piacere in attività che erano precedentemente piacevoli. Le persone depresse possono essere preoccupate, o rimuginare sopra pensieri e sentimenti di inutilità, senso di colpa inappropriati o rammarico, impotenza, disperazione e l’odio di sé. Nei casi più gravi, le persone depresse possono avere sintomi di psicosi. Questi sintomi includono allucinazioni Altri sintomi della depressione includono scarsa concentrazione e problemi di memoria, evitamento delle situazioni sociali e delle attività, riduzione del desiderio sessuale , e pensieri di morte o suicidio.

L’insonnia è comune tra i depressi. Nello schema tipico, una persona si sveglia molto presto e non può tornare a dormire, ma l’insonnia può anche includere difficoltà ad addormentarsi. L’insonnia colpisce almeno l’80% delle persone depresse. Può anche accadere però di soffrire di ipersonnia, o dormire troppo, riguarda infatti il 15% delle persone depresse. Alcuni antidepressivi possono causare l’insonnia a causa del loro effetto stimolante.

Una persona depressa può segnalare più sintomi fisici come stanchezza, mal di testa o problemi digestivi L’appetito si riduce spesso, con concomitante perdita di peso, anche se un aumento dell’appetito e del peso di tanto in tanto si verificano. La famiglia e gli amici possono notare che il comportamento della persona è agitato o letargico.

SINTOMI DELLA DEPRESSIONE

Non tutti coloro che sono depressi o hanno esperienze maniacali, riconoscono i sintomi. Alcune persone sperimentano solo alcuni sintomi e altri molti sintomi. La gravità dei sintomi varia con gli individui. Sintomi meno gravi che precedono i sintomi più debilitanti sono chiamati segnali di pericolo.

Sintomi di depressione maggiore o depressione maniacale:

* Umore ansioso, arrabbiato, irritabile, o “vuoto”

* Sentimenti di disperazione o pessimismo.

* I sentimenti di inutilità, di impotenza, o di colpa eccessivi.

* Perdita di interesse o piacere per hobby e attività che una volta erano piacevoli, compreso il sesso.

* Isolamento sociale, cioè il malato evita le interazioni con la famiglia o con gli amici.

* Insonnia, o si dorme troppo.

* Diminuzione dell’appetito e / o perdita di peso, o eccesso di cibo e / o aumento di peso.

* Fatica, calo di energia, “rallentamento”

* Crisi di pianto

* Pensieri di morte o di suicidio, tentativi di suicidio.

* Irrequietezza, irritabilità.

* Difficoltà di concentrazione, memoria, o difficoltà nel prendere decisioni importanti.

* Sintomi fisici persistenti che non rispondono al trattamento, come mal di testa, disturbi digestivi, e / o dolore cronico.

Sintomi di depressione maniacale mania:

* Esultanza inappropriata.

* Irritabilità inappropriata o rabbia.

* Insonnia grave o diminuito bisogno di dormire.

* Sentirsi grandioso, come se si avessero poteri speciali.

* Maggiore velocità nel parlare.

* Disconnessione tra pensieri e parole.

* Pensieri che si rincorrono

* Aumento del desiderio sessuale e / o attività

* Marcato aumento dell’energia.

* Scarsa capacità di giudizio

* Comportamento sociale inappropriato.

Sintomi di depressione negli uomini:

Rispetto alle donne, gli uomini con depressione hanno più probabilità di avere bassa energia, irritabilità e rabbia, a volte fino al punto di infliggere dolore agli altri. Gli uomini con depressione hanno anche maggiori probabilità di mostrare problemi di sonno, perdita di interesse nel lavoro o hobby, e abuso di sostanze. Possono lavorare troppo e impegnarsi in comportamenti più rischiosi quando sono alle prese con la depressione, il suicidio avviene quattro volte più spesso che per le donne in questa condizione. Nonostante queste difficoltà, gli uomini tendono ad avere molte meno probabilità di ricevere un trattamento per la depressione.

Sintomi di depressione nelle donne:

In confronto agli uomini, le donne tendono a sviluppare la depressione in età precoce e hanno episodi depressivi che durano più a lungo e tendono a ripetersi più spesso. Le donne più spesso hanno un andamento stagionale di depressione, così come i sintomi di depressione atipica (per esempio, mangiare o dormire troppo, forte desiderio di carboidrati, aumento di peso, una sensazione di pesantezza nelle braccia e nelle gambe, l’umore peggiora la sera, e difficoltà a dormire). Inoltre, le donne con depressione, sviluppano ansia, disturbi alimentari, e la personalità dipendente rispetto agli uomini.

La perimenopausa, che è il tempo della vita immediatamente prima e dopo la menopausa, può durare fino a 10 anni. Mentre la perimenopausa e della menopausa sono fasi normali di vita, la perimenopausa aumenta il rischio di depressione in quel periodo. Inoltre, le donne che hanno avuto la depressione in passato hanno cinque volte più probabilità di sviluppare depressione maggiore durante la perimenopausa.

Sintomi della depressione negli adolescenti:

Oltre a diventare più irritabili, i ragazzi potrebbero perdere interesse nelle attività che in precedenza erano piacevoli, cambiamento nel peso, e abuso di sostanze. Essi mostrano meno interesse per la loro sicurezza, e hanno più probabilità di compiere il suicidio rispetto ai loro colleghi più giovani. Generalmente una condizione negli adolescenti, che aumenta il rischio di depressione negli anni dell’adolescenza è l’acne.

Sintomi della depressione nei bambini:

Dal momento che i neonati, bambini piccoli e bambini in età prescolare di solito sono incapaci di esprimere i loro sentimenti a parole, tendono a mostrare la tristezza nei loro comportamenti. Bambini in età scolare potrebbe regredire nel rendimento scolastico, sviluppare disturbi fisici, ansia, o irritabilità. È interessante notare che alcuni bambini possono provare a piacere di più agli altri, quando depressi, come modo per compensare la loro bassa autostima. Pertanto, i loro buoni voti e relazioni apparentemente buoni con gli altri possono rendere la depressione difficile da riconoscere.

Bambini e adolescenti con depressione possono anche sperimentare i classici sintomi degli adulti ma possono anche presentare altri sintomi in sostituzione o in aggiunta a quei sintomi, tra cui:

* Scarso rendimento scolastico

* Noia persistente

* Lamentele frequenti di problemi fisici, come mal di testa e mal di stomaco

* Alcuni dei classici sintomi della depressione degli adulti che può anche essere più o meno evidente durante l’infanzia rispetto alle emozioni reali di tristezza, sono un cambiamento nel modello di mangiare o dormire.
I sintomi illustrati di seguito sono quelli presentati secondo il riferimento:

D.S.M. IV TR, Masson, 2000.

La caratteristica essenziale di una depressione è un periodo di almeno 2 settimane durante il quale è presente depressione dell’umore o perdita di interesse o di piacere per quasi tutte le attività. Nei bambini e negli adolescenti l’umore può essere irritabile anziché triste. L’individuo deve anche presentare almeno altri quattro sintomi di una lista che includa alterazioni dell’appetito o del peso, del sonno e dell’attività psicomotoria; ridotta energia; sentimenti di svalutazione o di colpa; difficoltà a pensare, concentrarsi o prendere decisioni; oppure ricorrenti pensieri di morte o ideazione suicidaria, pianificazione o tentativi di suicidio. Un sintomo, per condurre ad una diagnosi di depressione, deve essere di nuova comparsa o nettamente peggiorato rispetto allo stato premorboso del soggetto. I sintomi devono persistere per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno, per almeno 2 settimane consecutive. L’episodio deve essere accompagnato da disagio o menomazione sociale, lavorativa, o di altre aree importanti del funzionamento, clinicamente significativi. Per alcuni individui, con episodi più lievi, il funzionamento può apparire normale, ma richiede uno sforzo marcatamente superiore.
L’umore in una depressione viene spesso descritto dall’individuo come depresso, triste, senza speranza, scoraggiato o “giù di corda” (Criterio A). In alcuni casi la tristezza può essere inizialmente negata, ma in seguito si può far emergere durante il colloquio (per es., sottolineando che l’individuo sembra in procinto di piangere). In alcuni individui che lamentano di sentirsi “spenti”, di non avere sentimenti, o di sentirsi ansiosi, la presenza dell’umore depresso può essere dedotta dalla mimica e dal comportamento. Alcuni individui enfatizzano lamentele somatiche (per es., algie e dolori) piuttosto che riferire sentimenti di tristezza. Molti soggetti riferiscono o dimostrano un aumento dell’irritabilità (per es., rabbia persistente, una tendenza a rispondere agli eventi con scoppi di ira o a prendersela con gli altri, un esagerato senso di frustrazione di fronte a cose di poco conto). Nei bambini o negli adolescenti si può manifestare un umore irritabile o instabile piuttosto che triste o abbattuto. Questo quadro dovrebbe essere distinto dall’irritabilità di un bambino “viziato” quando viene frustrato.
La perdita di interesse o di piacere è quasi sempre presente, almeno in qualche misura. Gli individui possono riferire di sentirsi meno interessati agli hobby, di “non tenere a niente”, o di non provare divertimento in attività precedentemente considerate come piacevoli (Criterio A2). I familiari spesso notano il ritiro sociale o il rifiuto di occupazioni piacevoli (per es., un accanito giocatore di golf non gioca più, un bambino appassionato di calcio trova scuse per non praticarlo). In alcuni individui si riducono significativamente i livelli precedenti di interesse o di desiderio sessuale.
L’appetito è di solito ridotto, e molti individui sentono di doversi sforzare di mangiare. Altri, in particolare in ambiente ambulatoriale, possono avere un appetito aumentato o ricercare cibi particolari (per es., dolci o altri carboidrati). Quando le alterazioni dell’appetito sono gravi (in qualunque direzione) vi può essere una perdita o un aumento di peso significativi, oppure, nei bambini, si può notare l’incapacità di raggiungere il peso previsto (Criterio A3).
L’insonnia è il disturbo del sonno più comunemente associato con depressione (Criterio A4). Gli individui presentano tipicamente insonnia centrale (risvegli durante la notte con difficoltà a riprendere sonno), o insonnia terminale (risveglio precoce con incapacità di riprendere sonno). Si può anche verificare insonnia iniziale (difficoltà nell’addormentamento). Meno frequentemente gli individui presentano un eccesso di sonno (ipersonnia), sotto forma di prolungamento del sonno notturno o di aumento del sonno durante il giorno. Talvolta il disturbo del sonno rappresenta il motivo per cui gli individui richiedono il trattamento.
Le alterazioni psicomotorie includono agitazione (per es., incapacità di stare seduti, passeggiare avanti e indietro, stropicciarsi le mani; oppure tirarsi o sfregarsi la pelle, i vestiti, o altri oggetti), oppure rallentamento (per es., eloquio, pensiero e movimenti del corpo rallentati; aumento delle pause prima di rispondere; eloquio caratterizzato da riduzione in volume, inflessioni, quantità, o varietà di contenuti, o mutacismo) (Criterio A5). L’agitazione o il ritardo psicomotorio devono essere abbastanza gravi da poter essere osservati da parte di altri, e non rappresentare semplicemente una sensazione soggettiva.
Sono comuni riduzione dell’energia, astenia, faticabilità (Criterio A6). Il soggetto può riferire una continua stanchezza in mancanza di attività fisica. Anche i più piccoli compiti sembrano richiedere uno sforzo considerevole. Può essere ridotta l’efficienza nello svolgimento dei compiti. Ad esempio un individuo può lamentarsi del fatto che lavarsi e vestirsi al mattino sia faticoso e richieda un tempo doppio rispetto al solito.
Il senso di svalutazione o di colpa associato a depressione può includere valutazioni negative irrealistiche del proprio valore o preoccupazioni di colpa, o ruminazioni su piccoli errori passati (Criterio A7). Tali individui spesso interpretano eventi quotidiani neutri o insignificanti come riprova di difetti personali e provano un esagerato senso di responsabilità riguardo ad eventi sfavorevoli. Ad esempio, un agente immobiliare può rimproverarsi di non riuscire a vendere anche quando ci sia stato un crollo generale del mercato e gli altri agenti immobiliari siano altrettanto incapaci di vendere. Il senso di svalutazione o di colpa può assumere proporzioni deliranti (per es., un individuo convinto di essere personalmente responsabile della povertà nel mondo). Il rimproverarsi di essere malati e di non riuscire ad assumersi responsabilità lavorative o interpersonali come conseguenza della depressione è molto comune e, se non delirante, non è considerato sufficiente a soddisfare questo criterio.
Molti individui riferiscono una compromissione della capacità di pensare, concentrarsi o prendere decisioni (Criterio A8). Possono apparire facilmente distraibili o lamentarsi di disturbi mnesici. Coloro che hanno compiti accademici o lavorativi che richiedono un impegno intellettivo sono spesso incapaci di funzionare in modo adeguato anche se hanno lievi problemi di concentrazione (per es., un programmatore di computer che non riesce più a svolgere compiti complessi ma precedentemente gestibili). Nei bambini una precipitosa riduzione dei voti può riflettere una scarsa concentrazione. Negli anziani con una depressione, i disturbi della memoria possono rappresentare la lamentela principale e possono essere erroneamente interpretati come segni iniziali di demenza (“pseudodemenza”). Quando la depressione viene trattata con successo, i disturbi della memoria spesso scompaiono completamente. Comunque, in alcuni individui, particolarmente persone anziane, una depressione può rappresentare la manifestazione iniziale di una demenza irreversibile.
Possono essere presenti frequentemente pensieri di morte, ideazione suicidaria o tentativi di suicidio.
Questi pensieri variano dalla convinzione che gli altri starebbero meglio se la persona fosse morta, a pensieri transitori, ma ricorrenti di suicidarsi, a piani effettivi specifici per compiere il suicidio. La frequenza, l’intensità e la letalità di questi pensieri possono essere piuttosto variabili. Gli individui con minor rischio suicidario possono riferire pensieri transitori (1-2 minuti), ricorrenti (una o due volte a settimana). Gli individui a più grave rischio suicidario possono avere acquistato il materiale (per es., una corda o una pistola) da usare per il tentativo di suicidio e possono avere stabilito un luogo e un tempo in cui rimarranno da soli, così da poter realizzare il suicidio. Sebbene questi comportamenti siano statisticamente associati con i tentativi di suicidio e possano essere utili per identificare un gruppo a rischio elevato, molti studi hanno dimostrato che non è possibile prevedere con precisione se o quando un particolare individuo affetto da depressione tenterà il suicidio. Le motivazioni per il suicidio possono includere un desiderio di rinunciare a fronteggiare ostacoli percepiti come insormontabili o un desiderio intenso di porre fine ad uno stato emotivo estremamente doloroso che viene percepito dal soggetto come interminabile.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2015 Frontier Theme